Kluger Tartes

Un vecchio atelier nel Marais nord, una porta intarsiata, due grandi tavoli in legno da condividere con perfetti sconosciuti stile maisons d’hôtes, un’atmosfera cosy e domenicale come una crostata di uova fresche e frutta di giardino, una decina di tartes salate e dolci preparate con uova, frutta e verdura biologica ed una crema AOC.

Kluger Tartes. La creatrice si chiama Catherine Kluger, un ex avvocato che nel 2009 ha creato quella che lei stessa definisce la sua fabbrica di crostate artigianali.

Le mie preferite: la all green, zucchine + piselli + carciofi + rucola, servita con una piccola ciotola di zuppa del giorno e insalata croccante e la Tarte à la mousse au chocolat noir. Perfette.

Di domenica brunch (attenzione affollatissimo!) e i bambini possono aiutare in cucina.

Kluger Tartes 6, rue de Forez Paris 3ème

25 thoughts on “Kluger Tartes

  1. Che meraviglia!
    Mi piacerebbe molto trascorrere una domenica semiautunnale, nella romantica Parigi, gustando queste prelibatezze!
    Lo sai che ti immagino gestire un locale simile, sfornare leccornie e accogliere le persone con la tua eleganza e raffinatezza?
    Buona notte… a presto

  2. Inutile dire che anche io ho pensato la stessa cosa: tu che gestisci una pasticceria alzate barattoli vecchie posate e stampi.
    e queste pagine così vive ed eleganti le leggo come l’inizio di una carriera.
    sogno già un tuo corso di pasticceria qui da me

    • *irene, annoto due-tre cosucce di cui discutere tra le altre chiacchiere quando verrai qui, e noto la telepatia che viaggia tra di noi.

  3. Ecco sarebbe il mio sogno(e mi pare di capire non solo il mio):lasciare il mio sicuro ma un po’ noiosetto lavoro per creare un posto così..

  4. Che meraviglia questo posto! Lo proverò subito, anche perché è dalle mie parti 😉 grazie per la dolce scoperta, buona giornata!
    Adriana

  5. Fantastico! è cosi’ dolcemente autunno… PS vedo con stupore(ma a pensarci bene mica tanto)la presenza di Valdirose… Simo

      • Belle tutte e due!!! Peccato non avervi ancora conosciute… ma chissà! Ah!sono stata al cous cous Fest,ma mai più nel weekend! Troppa confusione,non sono riuscita a “rubare” nessuna ricettina!! quindi se come dicevi verresti volentieri la prossima edizione(io la butto li!!!)bisogna organizzarsi infrasettimanale! simo

  6. La prossima volta che vengo a Parigi lo devo provare… Ci andiamo insieme?? Magari anche con Rorina.. Non riusciamo a trovarci qui a Siena…chissà che non si riesca davvero a Parigi??!! Un bacio a tutte e due!!

  7. Valdirose in Paris….colazioni&merende made in Calme et Cacao…l’una alzerebbe il valore creativo dell’altra…pensateci seriamente ad un unico sogno perchè…perchè…non sempre si può spiegare un perchè…è come dire che certe stelle brillano più di altre…perchè?…perchè è cosi ! ann…a.

  8. che incanto… Se già ero rimasta affascinata da Angelina, questo è ancora più nelle mie corde. Voglia di farci un salto, se prima o poi riesco a venire a Paris e la tentazione – subito riposta – di avere un posticino del genere tutto mio. Ma mi accontenterei di poterci andare una volta e sì, concordo con chi l’ha detto, l’associazione con te è stata immediata. Ti ci vedrei alla perfezione a occuparti di un angolo dolce e pieno di charme come quello! c.

  9. Sono arrivata ora sul tuo blog attraverso il blog la ciliegina sulla torta… che bella scoperta! Complimenti foto delicate e molto poetiche.
    Adoro cucinare e adoro Parigi, non posso non metterti tra i miei preferiti. Complimenti!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *