Soffici al caffè e altri morbidi profumi

chocoamande_1chocoamande_2

A casa nostra il caffè si fa con la moka. Confesso di aver avuto qualche tentazione per una macchinetta da espresso con le cialde, sicuramente più glamour e veloce, alla fine pero’ restiamo affezionati a questo oggetto così ‘ evocativo, dalla forma  bizzarra, dalla patina autentica.  La memoria vuol bene ad oggetti come questi, la rinforzano e le facilitano il compito. Quando sono a Salerno, al mattino mi piace puntellare il mio percorso con una o due soste nei bar, ordinare un caffè, berlo al bancone tra il barista  chiacchierone, le bambine che puntano i pacchetti di patatine nell’espositore e il giornale della cronaca locale. Esiste un solo luogo dove io possa sentirmi a casa e in vacanza nello stesso momento.

Al mattino, nelle frenetiche preparazioni  per la scuola e il giorno che inizia, il caffè non é mai abbastanza. Qualche volta mi sveglio prima del solito e bevo il mio espresso in un  raro e prezioso momento di  pace mattutina. Mi sento un uccello su un ramo e dai rami non si vorrebbe mai ridiscendere, chi é salito su un albero lo sa. In queste mattine mi piace conservare una tazzina di caffè e preparare i biscotti soffici, con i quali berrò i caffè concitati dei giorni a venire. Sono facilissimi e veloci co un leggero aroma di mandorla che confonde e distoglie solo per un attimo da quello del caffè. La ricetta, scovata su Pinterest, é di Virginia del blog Zucchero e Zenzero. Volevo un gusto più rotondo senza nessuna croccantezza, nessuna spigolosità; così ho eliminato le mandorle tritate sostituendole con farina e estratto naturale.

chocoamande_1

E divagando ancora, qualche giorno fa sono stata sorpresa da un odore che mi ha tenuta in piedi immobile,  stupita e commossa. Al piano terra, c’é un armadio ricavato dai precedenti proprietari nel muro tra lo studio e la lavanderia, così strategicamente vicino alla family room che lo abbiamo consacrato ai giochi che le bambine amano fare vicino ai grandi. Chissà poi perché ai bambini piace tanto giocare e occupare gli spazi degli adulti.  Matite, pennarelli, colori a cera, pittura e fogli vari, stickers, plastilina sempre asciutta, qualche libro, dei puzzles, una vecchia fattoria con strani animali da cortile e all’ultimo ripiano qualche vaso da fiori di quelli che uso più di frequente, candele e una torcia di emergenza. E’ una porta che viene aperta diverse volte al giorno e chiusa di fretta prima che Greta possa infilarcisi. Fino a qualche mattina fa, non mi ero accorta che odorasse di scuola. Di scuola elementare. Di scuola elementare italiana. Di scuola elementare italiana di fine anni 70 inizio 80. Come é successo? Come é possibile che un odore viaggi attraverso più di trent’anni, che mi insegui e mi agguanti adesso che scolara non lo sono più da tanto tempo nonostante abbia ancora tanta voglia di imparare.

greta and long skirt

Anche a Parigi abbiamo un armadio così, due mensole per i giochi e il resto pieno del bric-à-brac di casa: pero’ quest’odore non c’é. E’ un’odore caledoscoipico, fatto di immagini e di ricordi, di oggetti e di affetti, che si aprono e si chiudono e girano come nel caleidoscopio di Neva che ogni tanto la sera mi piace guardare per far sogni danzanti. Le gomme da collezionare, i puffi blu e la casetta fungo, il sussidiario e le copertine trasparenti ai quaderni, Winnitou, i trasferelli e la vecchina che li vendeva nella polverosa merceria, i Topolino, le scarpe con il cinturino alla caviglia il tavolo della cucina, le frittelle con lo zucchero a velo e una sorella con cui condividere tutto.

emeraldskirt

gretachoco

Quando ho chiesto alle bambine se anche loro lo sentissero questo odore morbido e gommoso mi hanno guardato come forse farebbe un esserino verde sbarcato da un’orbita lontana.  Allora ho capito che quello odore é li, nascosto nell’armadio soltanto per me.

chocoamande_4

Soffici al cacao con profumato di mandorla

Ingredienti: caffè forte 1 tazzina, farina di mandorle 50g, burro 50g, cacao amaro 20g, zucchero di canna 80g, albumi 2, lievito 1/2 cucchiaino, farina 120g, estratto naturale di mandorla, sale 1 pizzico

Mescolare il caffè con il burro fuso raffreddato e gli albumi. Aggiungere le due farine setacciate con il lievito, lo zucchero, il cacao, l’estratto di mandorla e il sale. Amalgamare bene, coprire con pellicola alimentare e lasciar riposare in frigo per almeno 2 ore. Riscaldare il forno a 175C, formare delle palline e schiacciarle leggermente con il palmo della mano infarinato. Cuocere i biscotti 12 minuti. Il centro dovrà risultare ancora morbido e umido. Lasciar raffreddare e conservare in una scatola di latta.

English version

Soft cocoa cookies

At home we make coffee with a moka pot. I confess I was tempted by a new coffee machine with coffee pod, more speedy and glamour, but at the end we are attached to our moka, such an evocative object with the odd form and the old, comfy coat. I think memory loves this kind of objects, they help it to keep the past in the daily life. When I am in Salerno, the city where I grew up and where my parents live, I love during a morning walk having one or two pit-stops in coffee shops and drink a little coffee: meanwhile, the barman talks and talks, the girls work for the chips on the counter, the local newspapers announce the movies and theaters news to give some ideas for the night programs. There is no other place in the world where I feel at home and at vacation at the same time.

In the wild, excited morning time, preparing the girls for school and the house for the new day, coffee is never enough. But, sometimes, I wake up earlier and have a quiet time walking in the garden, drinking my espresso: I feel like a bird on a big tree. Those mornings I keep aside a little coffee cup to make the soft cocoa cookies, the perfect pair with the next morning coffees. Very easy to make, a nice combinations between the light spicy coffee’s aroma and the rounded of the almonds. Just pay attention to not overcook them, the beauty is in the inside softness, a sweet wake up for the mouth.

Soft coffee and cocoa cookies 

Ingredients: espresso cofee 1/2 cup, almond flour 50g, white flour 120g, baking powder 1/2 tsp, butter 50g, unsweetened  cocoa powder 20g, egg white 2, salt 1 pinch, almond extract 1 tsp.

Combine and sift flours and baking powder, add cocoa, sugar and salt. Add melted butter (must be cold), eggs whites, almond extract and coffee. Mix until well combined. Line baking sheets with parchment paper and scoop cookie dough on it, about 2 inches apart. Keep in the fridge for about 2 hours. Pre-heat the oven at 175C and bake for 12minutes. Cookies must be soft in the center. Cool slightly on baking sheet before transferring to a wire rack to cool completely.

Chocoamande_3

13 thoughts on “Soffici al caffè e altri morbidi profumi

  1. Certi ricordi sono proprio come gli odori, basta un attimo e ritrovi tutto, vero? Io chiamo dentro di me quest’odore settembre, pochi giorni prima che le scuole riniziassero, un armadietto di legno nel salone di casa, e due sorelline che giocano con i loro oggetti nuovi

  2. metà del mio dna è di Salerno,l’altra metà è triestino. Parigi è spesso nei miei pensieri, qui da te respiro aria pulita e piacevolmente profumata come i tuoi biscotti….

  3. Per me gli odori e i profumi sono il veicolo con il quale il passato ritorna a me…., insieme ai suoni e alla musica.
    Basta che io chiuda gli occhi e ritorno in un’altra dimensione riassaporando momenti di vita passati…
    Bellissime le tazzine, invitanti i biscotti e dolcissima la tua Greta!
    Un abbraccio grande…
    Carolina

    • Le tazzine erano di mia nonna, le fece arrivare a parigi in un grande pacco via posta; sul fondo una dama cinese ti guarda aspetta. I biscotti sono un attimo di pace da conservare in una scatola di latta. Greta é un piccolo fiore di campo… Grazie Carolina!

    • Ciao Valentina, si si proprio così. La dama cinese é li sul fondo con i suoi occhi allungati. Non ho le tazze da thé ma la zuccheriera,il bricco del latte, quello del cioccolato e un piccolo cofanetto bello e inutile. Erano di mia nonna, napoletana come te. A presto

  4. Odori e sapori… veicoli di ricordi potentissimi! Che bello poter leggere nuovamente i tuoi post! Volendo fare questi biscotti con le mandorle tritate mi limito a sostituirle alla farina?

  5. You can now bypass the filters set by proxy servers and using something like
    a pioece of paper, demonstrate a total disconnect with the concerns
    that consme mainstream America. These proxy free servers shops are chosen based
    on specific criteria. With Prozy Gathering
    and Checking is a handy application that you can have
    the Hide My Ass.

    my site :: check over here

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *