Frittelle calde, tra cielo e mare

frittelle_4

english version at the end

Da qualche giorno, le bambine ed io siamo arrivate in Italia. Il décalage orario ci trattiene in una sensazione dolcemente distaccata e ovattata, come se stessimo ancora volando. Alle cinque del mattino su questa terrazza sospesa mi sento come approdata su terra dopo molte ore trascorse in mare, ancora la sensazione di ondeggio nella testa e nelle gambe. La Costiera Cilentana sullo sfondo avvolta di alba e di rosa, le colline salernitane alle mie spalle e questo passeggiare tra fiori e piante così rigogliose nonostante crescano in vaso, in un lussureggiante schiudersi di colori e odori, ogni volta mi fa sentire in pace, ogni volta mi fa venire fame, voglia di colazione italiana, di cappuccino cremoso e di cornetto sfogliato.

Ai croissants francesi preferisco i cornetti italiani, quelli di Roma sono i miei preferiti, piccoli dalla sfoglia caramellata che puoi spezzare senza che vada in frantumi, il burro che avvolge senza invadere, un velo di zucchero, la schiena appoggiata allo schienale della sedia e il giornale che aspetta vicino.

alba-1

Ho preparato le frittelle calde con mia nonna, le ho fatto da assistente, guardando le sue bellissime mani, nodose ed esperte scomparire e riapparire nell’impasto. Rese morbide dalle patate e profumate dalla buccia di limone, spolverate di zucchero e mangiate calde. La mia idea di paradiso, somiglia proprio a questo: al rosa dell’alba vista da qui e alle frittelle calde profumate di limone.

frittelle_6

Frittelle dolci con patate profumate al limone

Farina 500g, uovo 1, patate 2, lievito 25g, burro 50g, estratto naturale di vaniglia 1 cucchiaio, limone 1 buccia grattugiata,  latte 150g, sale 1 pizzico, olio per friggere, zucchero per decorare

Lessare le patate e schiacciarle con la forchetta. Farle raffreddare e mettere da parte. Riscaldare il latte e sciogliervi il lievito. In una ciotola capiente versare metà della farina, il lievito sciolto nel latte, la buccia di limone, la vaniglia, il sale e il burro. Amalgamare e incorporare gradualmente l’altra metà della farina. Lavorare fino ad ottenere un impasto liscio, coprire con un panno di lino pulito e far lievitare in un luogo riparato per un paio d’ore. Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume, formare dei cilindri e chiuderne le estremità. Immergere le frittelle in olio bollente per pochi secondi e passarle in una ciotola con lo zucchero. Servire subito.

frittelle_1

Sweet Frittelle with lemon scent

Since few days, the girls and me arrived in southern Italy. Thanks to the jet-leg, we linge in a cocoon, a soft sensation to be still flying. At 5 am I am enjoying the amazing view  from my parents terrace, hang between the sea and the sky. The Cilento coast on the background, the hills of Salerno at my side, and all these plants and flowers, an awesome blooming and scent. All this make me peaceful and hungry, what I want right now is an italian breakfast, a creamy cappuccino and a cornetto (italian croissant). I always preferred the italian cornetto to the french croissant, the more delicate puffy pastry and the tiny bit caramelized crust, filled with custard or fruits marmalade make it a perfect breakfast choice.
With my grandmother, I prepared the sweet frittelle, an italian vintage fritters pastry made with potatoes, vanilla and lemon zest. Popular during the italian Carnival, the frittelle are  golden and puffy, served warm and sprinkled with caster sugar. I loved to help my grandma and see her beautiful old hands appear and disappear in the dough.
My idea of heaven is this: the pink sunrise watched by here and the home-made warm frittelle in the first morning of our italian summer vacations.
Ingredients (serves 6-8)

White flour 500g, egg 1, potatos 2, butter 50g, baking powder 1 + 1/2 tbsp, vanilla extract 1 tbsp, lemon zeste 1,  full cream milk 150g, salt 1/4 tsp, oil for frying, sugar to sprinkle on the frittelle

Bring the potatos to boil and cook until tender. Mash the potatos with a potato masher or a large spoon. In a large bowl pour the half of the flour and all the other ingredient and start to knead, meanwhile combine the rest of the flour and knead until the dough will be soft and silky. Cover with a clean cover and leave to rest at room temperature for up to two hours. On a floured board, roll the dough and cut into cylindrical pieces, then cross the far ends. Heat the oil in a large pan, and drop in the frittelle, turn them once and fry as soon as they are golden and puff up. Remove from oil and drain on paper towels. Sprinkle sugar and serve immediately. 

10 thoughts on “Frittelle calde, tra cielo e mare

  1. Benvenuta…in Italia o meglio bentornata, te l’ho scritto stamattina su IG ed ho voglia di riscrivertelo qui, ma quanto sono ripetitiva lo so :-).
    Volevo scoprire il tuo mondo, è ne sono rimasta piacevolmente colpita, si sta bene qui, è bello, accogliente una volta entrati è difficile uscire 😉
    Sai che mi hai portato indietro alla mia infanzia con le frittelle della nonna, anche la mia le preparava, la ricetta è quasi simile, la tua ha le patate è quel profumo di limone che…
    Complimenti
    Carmen

    • Carmen che caro il tuo commento e che gioia sapere che anche la tua nonna aveva mani capaci di regalare amore e frittelle. Questo per me é solo il primo regalo di questa preziosa vacanza, la mia nonna mi ha dettato la ricetta dopo pranzo,cercando di tradurre in grammi quel peso speciale che conoscono solo le mani.
      Benvenuta…

  2. Sono immagini dolcissime quelle di cui oggi ci racconti….
    Invitanti frittelle, immagini ovattate e spettacolari e l’amore di una nonna che accoglie la sua bimba con un caldo e dolce abbraccio….
    Benvenuta in Italia Daniela, goditi il calore della nostra terra e quello della tua famiglia.
    Ti abbraccio…
    Caroilna

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *