Un cake gentile

Noisette_1

Il profumo della nocciola tra il burro, lo zucchero e le uova, mi riporta per mano sul pianeta cucina. Vago da qualche ora nel limbo del jet-lag, nove ore di fuso orario da risalire come un sommazzatore senza bombola d’ossigeno sul fondo del mare.  Alcune valigie sono ancora sparse per casa,  socchiuse come cassetti, raccontano la nostra estate racchiudendo oggetti che difficilmente potrebbero trovarsi insieme: coltelli da cucina dal manico in madreperla. pot pourri fiorentini, libri, un cappello di paglia e uno di feltro, stampini da brioche, barbies sirena, idee appuntate e ricette svolazzanti, Topolino, una conchiglia che ha perso il suo mare e una pigna che incolla le dita.

Alterno momenti da cicala in cui mi lascio andare a ritmi  leeeenti scansando lavori scomodi e pesanti con autentica nonchalance, a momenti da formica in cui trotterello da un piano all’altro pervasa da una smania di pulizia e di riordino. Tutto mi aiuta a riappropiarmi di suoni, di odori, di spazi, anche quelli occupati dalle ragnatele, e di progetti. Di alcuni vi parlerò tra qualche giorno, come la Danza delle scatole nel prossimo post, di altri più in là.

Buon rientro a chi rientra, che sia dolce  gentile come le nocciole che ho seminato nell’impasto.

Abbracci nocciolati e impolverati.

noisette_3

Cake semi integrale con nocciole e cioccolato

Farina 00 120g, farina integrale 50g, uova bio 3, zuccherodi canna 130g, burro salato 35g, lievito per dolci 2 cucchiaini, yogurt bianco (magro o intero come preferite) 250g, cioccolato fondente 70g, nocciole 100g + 20 per decorare

Preriscaldate il forno a 175C. In un pentolino antiaderente lasciate colorare leggermente le nocciole senza farle scurire. Sminuzzatele con un coltello assieme al cioccolato. Montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un impasto bianco e spumoso. Aggiungete lo yogurt e le farine setacciate con il lievito, alternandoli a cucchiai. Unite il burro fuso, amalgamate le nocciole e infine il cioccolato. Amalgamate ben bene ma senza affliggere colpi al composto. Rovesciate l’impasto in uno stampo da plum-cake imburrato e infarinato e spolverate con le nocciole rimaste (meglio se avrete sminuzzato anche quelle!). Cuocete in forno statico per circa 40m, se avete un forno ventilato 30m basteranno. Sempre meglio testare la cottura con uno stecchino o uno spaghetto. Lasciate intiepidire e servite.

Voi ancora non lo sapete, ma avete appena compiuto i primi passi verso l’autunno.

Noisette_2

14 thoughts on “Un cake gentile

  1. Ciao Daniela, se potessi mi metterei a correre verso l’autunno!! Il tuo cake é così invitante, domani ce lo gusteremo! Ti abbraccio forte e ovviamente aspetto sempre con gioia di leggerti… Nuovi progetti: che meraviglia!! Ti aspetto, monica

    • Monica, oggi piove, ma tra poco sarà come camminare a marcia indietro verso l’estate: qui settembre e ottobre sono mesi di sole e di azzurro!
      Ricambio l’abbraccio e ne aggiungo un altro

    • Buonasera Helga,
      grazie del tuo commento. Il mio mondo magico, come l’hai deliziosamente definito tu, oggi prevede pulizia e lucidatura delle pentole di rame!

      ps. Costa sud delle California, ma non dirlo a nessuno 😉

      • cara Daniela, sono una di quelle persone che non ha mai invidiato nessuno, perché sono conscia che ogni traguardo sia sudato e comporti lavoro. Io mi ritengo una persona molto fortunata non perché non abbia avuto una vita dura, ma perché riesco a cogliere la bellezza, la poesia. Il tuo blog trasmette aria di casa accogliente e di questo ti ringrazio! Un bacione Helga

        • CIao Elga, gli invidiosi non mi sono mai piaciuti, le persone che si lasciano incantare dalla vita e dalle piccole cose invesca si, tanto. Sono io che ringrazio te essere entrata nel mio mondo e per averlo trovato così leggero e caldo. A presto

  2. Ciao mia cara amica. ….bentornata !!!
    Bentornata alla voglia di fare e di nuovi progetti che noto , essere nell’aria settembrina …
    Attendo con fervore la danza delle scatole ( stavolta non me la perdo!) …
    Intanto l’idea di fare questo dolce invitante mi alletta tanto…
    Un abbraccio forte forte. ..
    Carolina

  3. grazie ad una “notte insonnia da jet-leg” ho scoperto il tuo mondo incantato….e rimarrei qui fino a questa notte a lasciarmi avvolgere dalle tue atmosfere…ed ora non posso che muovere i primi passi verso un dolce autunno assaporando il tuo cake gentile….splendide foto….bentrovata, bentornata…

    • Benvenuta Chiara,
      il jet lag, se dura poco, puo’ essere una parentesi fatta di giornate lunghissime da riempire con cose che ci aiutano a star bene, a ritrovare i giusti ritmi e a salutare le vacanze. A me a volte regala pane da impastare, lunghe letture come per te, felici passeggiate virtuali. Ben arrivata e grazie del tuo delizioso commento. Adesso vai a dormire pero…

  4. Ciaoooooo cara Daniela che bello leggerti…non smetterò mai di dirtelo…sei la mia copertina che mi scalda e mi coccola…con le tue parole già mi vedo in casa tua…vedo le valige …vedo te che riordini con tutta la tua eleganza volteggiando su te stessa….ahhh che meraviglia sognare….non vedo l ora di leggere il prossimo post sulle scatole danzantiiii!! Si comincia allora?? Questo tuo dolce deve essere delizioso…proverò presto!! Un abbraccio forte…Anto

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *